lunedì 30 aprile 2018

AJAX









LOCANDINA:




















ANNO: 1987

SOFTWARE HOUSE: Konami Holdings Corporation

GENERE: Sparatutto A Scorrimento Verticale

DESCRIZIONE: 
Al giocatore è stato affidato un ordine di emergenza. Deve salvare la terra dall'essere conquistata dalle forze nemiche. Egli sale sul suo elicottero e si prepara per un intenso combattimento aereo. Sparando agli aerei nemici che arrivano e bombardando i nemici a terra, crca di farsi strada attraverso i vari livelli per raggiungere la base nemica. Quando termina il primo livello, viene trasportato al livello successivo da una portaerei. Va con il suo jet contro aerei, carri armati, navi, elicotteri e portaerei. Il giocatore deve anche fare attenzione a nemici nascosti e attacchi a sorpresa. 

Durante il gioco si possono ottenere diversi tipi di potenziamenti. Questi includono: 

"3" 3-Way: i proiettili vanno davanti, a destra e a sinistra. 

"L" Laser: Il giocatore può sparare un doppio laser. 

"T" Triple : Vengono sparati missili che si aprono in tre direzioni frontalmente. 

"V" Vulcan : Proiettili veloci vengono sparati nella direzione controllata. 

"B" Bomb : I missili Aria-terra possono essere potenziati due volte. 

"O" Orbital: Un piccolo drone che utilizza le stesse armi dell'elicottero. Può essere ottenuto eliminando una speciale formazione di piccoli caccia rossi. 

C'è anche una super arma extra che distrugge tutti i nemici sullo schermo in un colpo solo. Il suo uso è comunque limitato. 

Ajax contiene due tipi diversi di schermi: 2D e 3D. Negli schermi 2D, il giocatore controlla un elicottero. Negli schermi 3D, il giocatore comanda un jet. 

Ajax ha una grafica impressionante con moltissimi effetti di rotazione e di scalatura (alcuni possono essere un po' disorientanti!), una ottima colonna sonora e eccellenti controlli di gioco. Molto raccomandato per tutti i fans degli sparatutto. 

AJAX

domenica 29 aprile 2018

3 NINJAS KICK BACK




















LOCANDINA:
















ANNO: 1994

SOFTWARE HOUSE: Sony Imagesoft Inc. / Malibu Interactive

GENERE: Platform

DESCRIZIONE: 
I nuovi mini ninja segue le avventure di tre fratelli ninja: Rocky, Colt e Tum-Tum. Essi hanno assistito al tentativo di recupero di una daga bizantineggiante da parte di un anziano samurai. La daga, una volta consegnata al Samurai come encomio, verrà conferità alle generazioni più giovani quando questa verrà consegnata al vero possidente.

I ragazzini imparano ninjitsu ed karate per combattere le molto più esperte, potenti e possenti forze del male.

Viene presentato uno schermo di selezione dei personaggi dove si può scegliere uno dei tre fratelli per iniziare l'avventura in questa avventura a scorrimento molto ordinaria, salvo le differenze tra i tre protagonisti - Rocky utilizza un bō, Colt usa una katana e maneggia una coppia di sai. I nemici sono tutti nemici ribelli al servizio di Koga, cani e pipistrelli addestrati e non mancano trappole letali. Il menu di selezione dei personaggi è ispirato al poster pubblicitario per il film.

Ci sono svariati livelli lungo il gioco, ognuno suddiviso in zone minori e avanzando si raggiunge la sezione finale, dove il boss di fine livello dovrà essere sconfitto. Una volta portati a termine tutti i livelli e sconfitto Koga, la daga rubata verrà riconsegnata al maestro e i tre allievi vivranno assieme a lui, per perfezionare le arti marziali.

3 NINJAS KICK BACK

sabato 28 aprile 2018

MARIO PARTY 2











LOCANDINA:
















ANNO: 1999

SOFTWARE HOUSE: Nintendo Co. Ltd. / Hudson Soft Company, Limited

GENERE: Party

DESCRIZIONE: I nostri eroi hanno inaugurato un nuovo parco divertimenti chiamato Mario Land. Tutti erano d'accordo nella scelta del nome, tranne Wario, che lo avrebbe invece voluto chiamare Wario Land. I personaggi cominciano a litigare, fino a quando non interviene Peach ribattezzando il parco Peach Land. Il nuovo nome piace ancor meno agli altri protagonisti e il litigio si anima ancor di più. Nel frattempo, il buon Koopa, andando in giro, scopre che il peggior nemico di Mario, Bowser, ha intenzione di distruggere il parco di attrazione dei nostri eroi e cerca invano di avvertirli. Gli dà retta solo il piccolo Toad che ha un'idea per risolvere entrambe le questioni: il parco sarà inaugurato col nome del personaggio che riuscirà a sconfiggere Bowser.



MARIO PARTY 2

venerdì 27 aprile 2018

A.B. COP











LOCANDINA:




















ANNO: 1990

SOFTWARE HOUSE: SEGA Corporation

GENERE: Guida

DESCRIZIONE: 
Un gioco di corse con ambientazione futuristica dalla Sega, nel quale il giocatore assume il ruolo di un A.B.Cop; un tutore della legge che cavalca una moto-jet pesantemente armata. Deve inseguire e distruggere gli autori di una rapina a mano armata prima che scada il tempo limite. 

All'inizio di ogni livello il giocatore è dotato di un numero limitato di 'salti', 
che, quando utilizzati, permettono alla moto di volare temporaneamente; utile per evitare tutti i veicoli, nemici o amici, che popolano le strade. Se il salto è fatto con il giusto tempismo si può anche cadere sopra i nemici attaccandoli dall'alto. L'icona del salto blu appare occasionalmente nella pista e può essere raccolta passandoci sopra. 

Oltre ai salti, premendo SU con il joystick si da alla moto una breve accelerazione; necessaria se il livello deve essere completato entro il limite di tempo che impone il gioco. 
A differenza dei salti, la moto ha un numero illimitato di accelerazioni. 

Per la prima volta nei giochi di corse, alla fine di ogni livello si trova un gigantesco boss, ognuno di essi è pesantemente armato e necessita di svariati colpi per essere distrutto. 

A.B.Cop ricorda enormemente un superbo e leggendario gioco di corse della Taito, "Chase HQ".

A.B. COP

giovedì 26 aprile 2018

NEO DRIFT OUT - NEW TECHNOLOGY









LOCANDINA:




















ANNO: 1996

SOFTWARE HOUSE: Visco Corporation

GENERE: Guida

DESCRIZIONE: 
Nello stesso anno di Over Top, esce la versione casalinga del quarto capitolo della Visco di Neo Drift Out, ed è l’unico titolo degno di questa brevissima e poverissima lista di driving game.

Neo Drift Out, con una prospettiva obliqua dall’alto, permette al giocatore la scelta di Mitsubishi Lancer, una Subaru Impreza o una Toyota Celica ciascuno con i propri livelli diversi di velocità, controllo e statistiche di potenza.

In ogni fase di gara, il giocatore ha bisogno di arrivare al traguardo nel minor tempo possibile, se l’orologio raggiunge lo zero, il giocatore perde.

Ottimo il sistema di guida e la varietà del terreno sui circuiti: asfalto in Europa, legno per la savana africana, neve e ghiaccio per la Scandinavia o fango per la Gran Bretagna, con una cura particolare per grafica e animazioni.

Anche il movimento di camera, con le sue zoomate – una caratteristica dei giochi della SNK – restituisce un’esperienza televisiva realistica.

Sarà anche l’unico gioco di guida decente per Neo Geo, di sicuro questo Neo Drift Out è uno dei racing game 2D più bello di sempre. Sempre che dieci minuti di gioco totali potessero ripagare la spesa spropositata.

NEO DRIFT OUT - NEW TECHNOLOGY

martedì 24 aprile 2018

SUPER TENNIS











LOCANDINA:
















ANNO: 1991

SOFTWARE HOUSE: Nintendo Co. Ltd. / Tokyo Shoseki

GENERE: Tennis

DESCRIZIONE: Super Tennis colse tutti di sorpresa al suo arrivo sul mercato, perché i giochi di sport non erano tra le categorie più amate nei primi anni ’90. E perché, nonostante l’aspetto fumettoso, era davvero un ottimo gioco di tennis. Merito della varietà dei colpi e della cura nel riprodurre il movimento della pallina, molto fedele verso lo sport reale. Di fatto, rappresenta una delle più grandi rivelazioni della prima era Super Nintendo.


Pubblicato dalla semisconosciuta Tokyo Shoseki ed esclusivo alla console della grande N, ricreava l’omonima disciplina in tutte le sue caratteristiche base. C’era un’ampia selezione di tennisti maschi e femmine (tutti inventati), altrettanti tornei e la consueta scelta della superficie di gioco. Ma se la grafica, zoomate a parte, non faceva gridare al miracolo, la giocabilità era e rimane ottima.

Sul semplice controller del Super NES avevamo a disposizione una grande varietà di colpi, addirittura modificabili con tanto di effetto. I tennisti, per quanto caricaturali nell’aspetto, avevano la stessa varietà di movimenti e tecniche così da rendere spettacolare ogni incontro. Ma soprattutto, il computer non barava com’è poi diventata la prassi nei giochi sportivi e commetteva spesso errori grossolani (risultando così più credibile).

L’unico problema è che, tolte le sfide con gli amici, non c’era granché per il giocatore singolo a parte una carriera che si completava piuttosto in fretta. La sezione single-player non offriva molto in termini di varietà, a parte una discreta scelta di tornei. Virtua Tennis, qualche anno più tardi avrebbe totalmente rivoluzionato questo aspetto, ma Super Tennis non aveva ancora il coraggio di farlo.

Restava, e resta ancora oggi, un ottimo gioco per le sfide tra amici grazie all’imprevedibilità nei movimenti della pallina e alla varietà di colpi disponibile. Non era così raro, ai tempi, vedere serie di partite che duravano giornate intere, soprattutto tra i giocatori più esperti che usavano solo il loro tennista preferito. Insomma: nello strapotere di picchiaduro e platform, Super Tennis rappresentava una vera eccezione alla regola.

SUPER TENNIS

domenica 22 aprile 2018

GUN BALL











LOCANDINA:




















ANNO: 1992

SOFTWARE HOUSE: Data East Corporation

GENERE: Sparatutto

DESCRIZIONE: Gioco futuristico di azione veloce e furiosa, è una spece di "Smash T.V." in ambientazione flipper. 


Questo gioco è conosciuto fuori dal Giappone come "Nitro Ball". 

Viste le numerose similitudini fra questo gioco e "Smash T.V.", ci si chiede come Data East sia riuscita ad evitare una causa per violazione di copyright da parte di Williams (Capcom fece causa l'anno successivo per le similitudini fra "Fighter's History" e "Street Fighter II - The World Warrior", ma alla fine perse).

Di seguito l'ordine degli schemi:

1- Combat Field
2- Strange Football
3- Ghost Town
4- Aliens World
5- Space Station

GUN BALL

sabato 21 aprile 2018

4D SPORTS BOXING















LOCANDINA:




















ANNO: 1991

SOFTWARE HOUSE: Mindscape Inc. / 
Distinctive Software Inc.

GENERE: Boxe

RECENSIONE: 
Era il 1991 e negli allora poco capienti dischi rigidi di quegli anni si diffuse un gioco che, quasi per la prima volta, presentò un affascinante mondo della boxe fatto (udite udite) di poligoni veri. Sì. nonostante quello che potreste pensare guardando gli screen sparsi qua e là, 4d Sports Boxing rappresentò una piccola rivoluzione tecnica per l'epoca, presentando un 3d palpabile, ma talmente palpabile che spesso poteva capitare di terminare un incontro con un occhio nero.

Aldilà di un'introduzione moralmente incerta, la verità storica ci racconta che il titolo di Distinctive Software riuscì nella non facile impresa di portare l'universo del ring all'interno delle case di numerosi giocatori, presentando una vera sfida, sia ludica che tecnologica. Ma bando alla ciance, indossiamo i guantoni e partiamo!

Come i più intuitivi fra voi avranno già immaginato, lo scopo di 4dSB è di raggiungere le vette del gotha pugilistico mondiale, sconfiggendo uno dopo l'altro tutta una serie di avversari che si credono migliori di voi unicamente perché il loro nome viene prima nell'elenco; impresa che non si rivelerà per niente facile, ma siate pazienti e continuate a leggere che qui stiamo lavorando per voi.

Innanzitutto il vostro primo compito sarà quello di creare il vostro alter ego definendo tutta una serie di parametri estetici (ma che belli i capelli verdi) e fisici, questi ultimi suddivisi in tre diverse categorie esplicite, ovvero velocità, resistenza e potenza, e una implicita, ovvero il sex appeal. Quest'ultimo risulta fondamentale soprattutto per avere ragione delle controparti femminili, ma spetterà a voi usarlo al momento giusto.

N.B: Ovviamente il sex appeal non è realmente presente all'interno del gioco, ma in qualche modo dovevo moralmente giustificare la mia scelta di avere un bel mento prominente; peraltro capiterà di dover incrociare sul serio i guantoni con delle donne, alla faccia della violenza sul gentil sesso.

Fatte le vostre scelte non vi resta che scendere sul ring utilizzando a vostro vantaggio l'ampio parco di mosse a vostra disposizione: ganci, diretti, cinture, ko morali e tecnici, squalifiche, sono tutti elementi presenti nell'elenco del perfetto pugile e rappresentano probabilmente uno dei punti di forza del titolo Distinctive, grazie anche alla varietà di situazione e contesti che sono in grado di creare.

Non aspettatevi inoltre la classica passeggiata da titolo sportivo all'acqua di rose, ma anzi preparatevi ad un grado di sfida che, soprattutto nei match più avanzati, vi darà parecchio filo da torcere; questo senza citare l'attuale numero uno, un avversario che vi costringerà a tentare più volte la sfida a causa di una difficoltà fuori parametro.


Dopo ogni scontro inoltre, con una pregevole spolverata di essenza ruolistica, dovrete allenare il vostro novello Rocky al fine di migliorare, secondo le vostre esigenze, le abilità in vostro possesso; anche qui ogni scelta avrà un peso specifico importante se vista con l'ottica del lungo periodo, quindi tenete bene a mente il vecchio adagio che un mattone fa più male di una zanzara. Chi ha orecchie per intendere intenda.

Dal punto di vista grafico 4d Sports Boxing si difende in maniera egregia grazie al sapiente mix tra motion capture e il già citato comparto poligonale, entrambi capaci di confezionare un ambiente realistico come solo un titolo del 1991 poteva essere; per il sonoro non vi aspettate grossi miracoli, ma il gong di fine incontro rientra nel kit base per una sufficiente scarica di adrenalina.

Curioso notare che al migliorare delle vostre abilità, queste si rifletteranno anche sull'aspetto estetico del vostro figuro, dando un riscontro diretto circa le vostre scelte.

Infine giusto per non lasciare niente di sospeso, ricordate che il vostro uomo di fiducia viene controllato via tastiera in un gioco di pulsanti che allenerà in maniera invidiabile le dita della mano: efficace, efficiente e pienamente godibile fin dalle prime battute.

Alcune considerazioni a margine: uno dei limiti più grandi di 4dSB risiede nel fatto che non è possibile giocarlo unicamente per divertirsi; dopo un certo periodo il vostro boxeur è costretto a ritirarsi per andare in pensione, dovendo così ad interrompere la vostra scalata verso il successo.

Il giocatore è così costretto a procedere per marce forzate, cercando sempre una sfida spesso aldilà delle sue capacità reali del momento; un peccato, ma che forse riesce nell'interno di rendere il gioco sempre avvincente, forse anche aldilà dei suoi pregi intrinseci.

Altro aspetto interessante è la presenza di due versioni distinte, la 1.0 del 1991 e la 2.0 del 1992 e pubblicata da EA; quest'ultima versione rivede in parte grafica e sonoro, ma sostanzialmente non modifica la ciccia del gioco. La successiva FM Towns si avvale peraltro proprio degli assets della produzione EA per confezionare la propria versione.


4d Sports Boxing è una di quelle chicche che il passato videoludico può riservare a tutti coloro che vogliono scavare fra le pagine del tempo; se coloro che lo provarono nei suoi giorni di gloria credo che lo ricorderanno con piacere, i neofiti troveranno diverse difficoltà nel suo recupero, se non affidandosi a mercatini dell'usato o a metodi poco etici essendo il titolo fuori dalle vendite da diverso tempo. Ma un incontro val bene questa fatica.

4D SPORTS BOXING

giovedì 19 aprile 2018

R-TYPE LEO












LOCANDINA:





















ANNO: 1992

SOFTWARE HOUSE: Irem Software Engineering, Inc.

GENERE: Sparatutto A Scorrimento Orizzontale

DESCRIZIONE: In un futuro imprecisato l'umanità vive in pace ed ha trovato un nuovo pianeta da colonizzare. Inizia così il progetto Paradiso, con l'invio sul nuovo pianeta di un super bio-computer, chiamato Major, in grado di interagire con le forme di vita presenti e preparare la colonizzazione umana. Purtroppo Major ha un guasto e anziché rendere abitabile il pianeta lo popola di creature malvagie. Bisogna "ripulire" il pianeta e quindi viene inviata l'arma più potente; l'astronave da battaglia superpotenziata R-9 Leo.


Il videogioco si svolge su sei livelli a difficoltà progressiva, come i prequel molto giocabile e con grafica ben curata. I nemici sono svariati ed alcuni di essi enormi. L'astronave viene sempre supportata da due pod laterali, chiamati Psybits, che contribuiscono a sparare le armi, anche posteriormente, e possono essere lanciati all'attacco per un breve periodo.

L'astronave R-9 Leo ha molte armi a disposizione, ottenibili raccogliendo pod colorati:

  • Pod Blu: arma a raggi blu che rimbalzano in con un angolo di 45° al tocco delle pareti dei livelli, ottima negli spazi stretti e angusti.
  • Pod Verde: Raggio laser a salva di media potenza, ha la particolarità della ricerca automatica del nemico e dello spostamento di direzione a 90°.
  • Pod Rosso: Il laser più potente. Un enorme raggio colpisce frontalmente incenerendo qualsiasi nemico.
  • Pod M: dai cannoni laterali parte anche una salva di missili non a ricerca automatica.
  • Pod S: viene incrementata la velocità dell'R-9 Leo.

R-TYPE LEO

domenica 15 aprile 2018

DYNASTY WARS









LOCANDINA:




















ANNO: 1989

SOFTWARE HOUSE: Capcom Co., Ltd.

GENERE: Picchiaduro

DESCRIZIONE: 
La storia e tutti i personaggi sono basati su una storia reale : il Periodo dei Trei Regni dopo la dinastia "Hen" in Cina. I design dei personaggi erano basati su un popolare fumetto giapponese chiamato "Destruction of Heaven and Earth"("La Distruzione del Paradiso e della Terra"). 

Questo gioco è conosciuto in Giappone con il nome di "Tenchi wo Kurau [CP-S No. 04]" (si traduce come "Il cielo e la terra che ricevono colpi). 

La serie 'Tenchi wo Kurau' è basata su una storia cinese meglio conosciuta con il nome di 'Storia dei Tre Regni'. 

DYNASTY WARS

venerdì 13 aprile 2018

AIR BUSTER: TROUBLE SPECIALTY RAID UNIT










LOCANDINA:




















ANNO: 1990

SOFTWARE HOUSE: Kaneko Co. Ltd. / Namco Ltd.

GENERE: Sparatutto A Scorrimento Orizzontale

DESCRIZIONE: Un coloratissimo e divertente sparatutto a scorrimento orizzontale con un buon grado di sfida! Da provare.

AIR BUSTER: TROUBLE SPECIALTY RAID UNIT

giovedì 12 aprile 2018

DRIFT OUT '94: THE HARD ORDER









LOCANDINA:
















ANNO: 1994

SOFTWARE HOUSE: Visco Corporation

GENERE: Rally

DESCRIZIONE: Ottimo seguito dello stupendo Drift Out!


DRIFT OUT '94: THE HARD ORDER

martedì 10 aprile 2018

OPERATION THUNDERBOLT












LOCANDINA:




















ANNO: 1988

SOFTWARE HOUSE: Taito Corporation

GENERE: Sparatutto

DESCRIZIONE: 
Un aereo di linea di tipo DC-10 è stato dirottato dalla linea Parigi-Boston da un commando armato. I terroristi prendono in ostaggio i passeggeri e chiedono la liberazione immediata dei loro comandanti detenuti in prigione e danno 24 ore di tempo, pena l'uccisione dei passeggeri. L'aereo viene costretto ad atterrare in Kalubya, in Africa (la mappa nell'introduzione la mostra come se fosse la Libia), e gli ostaggi vengono divisi in varie località. L'ONU decide di intervenire inviando in soccorso un esperto combattente mercenario, Roy Adams, colui che ha portato a termine l'operazione Wolf un anno prima. Insieme ad esso interverrà anche lo specialista in guerriglia tattica e berretto verde, amico di Roy, Hardy Jones. I due vengono inviati con un idrovolante nella zona di guerra con la missione di liberare tutti gli ostaggi.

Operazione Thunderbolt è uno dei nomi dell'Operazione Entebbe, un'incursione per la liberazione di ostaggi realmente avvenuta, e il titolo del videogioco potrebbe essere un riferimento ad essa.

L'azione, per uno o due giocatori in cooperazione simultanea, si svolge su otto livelli pieni di nemici sempre più agguerriti, sotto forma di fanteria o veicoli. Impugnando la mitragliatrice bisogna sparare in tutti i lati dello schermo di gioco, non si ha un mirino sullo schermo quindi per sparare con precisione bisogna orientarsi a vista. È presente anche l'effetto della vibrazione quando si spara, in modo da dover impugnare le Uzi molto saldamente per avere una mira precisa. Come arma secondaria si ha una piccola quantità di razzi. Ciascun giocatore ha una sola vita e un livello di energia che cala subendo colpi o, in alcune situazioni, colpendo accidentalmente eventuali ostaggi. Durante l'azione si possono recuperare, sparando a delle casse, munizioni, razzi, energia aggiuntiva, giubbotto antiproiettile, mirino laser. A seconda dei livelli lo scorrimento automatico dello schermo è in orizzontale, da destra a sinistra, oppure in avanti con visuale tridimensionale.

Le conversioni per piattaforme domestiche furono relativamente fedeli, conservando la modalità a due giocatori e gli otto livelli anche sui computer meno potenti. A differenza di Operation Wolf, in alcune versioni non c'è un mirino visibile a video, a meno che si riesca a ottenere il mirino laser. Fu uno dei rari giochi per Commodore 64 a supportare la pistola ottica e il mouse, supportati anche su SNES.

Il gioco è composto dai seguenti livelli:

1. Villaggio, raccogliere informazioni. Alla fine si contatterà un agente infiltrato che darà informazioni sui luoghi dove sono reclusi gli ostaggi.

2. Base nemica, recupero munizioni e mezzo di trasporto. Bisogna irrompere in una base nemica e recuperare il mezzo per il livello seguente.

3. Ricerca del bunker nemico, livello a bordo della Jeep. L'azione si svolge a bordo del mezzo di trasporto in viaggio verso il primo luogo dove sono gli ostaggi da salvare.

4. Il nascondiglio, salvataggio ostaggi. Bisogna fare attenzione a non colpire gli ostaggi e fuggire via fiume.

5. Rotta verso il quartier generale nemico, guidando un motoscafo. Il puntamento del mirino è più difficoltoso per via delle onde che scuotono il mezzo.

6. Quartier generale, salvataggio ostaggi. Il secondo gruppo di ostaggi è qui e alla fine del livello si trova un arcigno sergente nemico come boss.

7. Aeroporto, creare una via di fuga sicura. Sulla pista dell'aeroporto si deve raggiungere l'aereo dirottato.

8. Aeroplano, fuga. Livello a bordo dell'aeroplano dove alla fine si trova il comandante dei dirottatori. Si deve ucciderlo cercando di evitare di colpire il pilota che tiene in ostaggio come scudo umano. Se esso verrà ucciso si avrà il game over.

OPERATION THUNDERBOLT